La Passatempese riparte da mister Simone Strappini. «Sono contentissimo di portare avanti il lavoro che abbiamo iniziato»

La Passatempese riparte da mister Simone Strappini. Il tecnico della stagione appena terminata rimane dunque sulla panca dei galletti gialloblu. Un punto di partenza importante per la società del presidente Mauro Staffolani, che intende confermarsi anche nel prossimo campionato. Ne parliamo proprio con il trainer gialloblu.

Ciao Simone, partiamo dal presente: sei stato riconfermato sulla panchina della Passatempese, penso che sarai contento.

”Sono contentissimo di portare avanti il lavoro che abbiamo iniziato in questa annata. C’è anche la riconoscenza per questa società, dove avevo militato da calciatore, che la scorsa estate mi ha affidato una panchina di Promozione nonostante fossi alla prima esperienza. Per me è importante anche la riconoscenza nel calcio e come mi hanno chiesto se volessi rimanere ho accettato senza esitazioni e cercheremo di migliorarci”.

Un campionato comunque positivo, anche se forse si poteva tentare di accedere ai play-off.

“Come hai detto tu forse si poteva fare qualcosina di più, è anche vero che abbiamo avuto una stagione complicata per via degli infortuni. Il 18 agosto durante il precampionato si è infortunato Staffolani, giocatore importante per l’economia della squadra, ed è rientrato il 20 dicembre. Durante tutta l’annata abbiamo avuto infortuni di natura traumatica e abbiamo chiuso con mio fratello che si è rotto il crociato nel finale di stagione. Siamo stati un pò sfortunati sotto questo punto di vista sennò potevamo puntare alle primissime posizioni. Vista le problematiche arrivare quinti va più che bene, diciamo che le prime quattro davanti a noi alla fine hanno meritato la loro posizione”.

Come ti trovi a Passatempo e com’è stato allenare tuo fratello Marco?

“Conoscevo già l’ambiente avendoci giocato in passato: è un ambiente ottimo, si sta bene e si lavora bene. Inoltre abbiamo i nostri impianti dove poterci allenare e questo dà serenità. Per quanto riguarda Marco questa estate ha fatto un doppio salto di categoria passando dalla D alla Promozione. Aveva anche tre-quatro richieste da altre compagini di D e stava bene a Jesi. Gli ho semplicemente detto che a 34 anni avrebbe ritrovato la gioia di giocare a calcio alla Passatempese e non c’ha pensato un attimo. Mi dispiace per il suo infortunio e adesso valuterà se operarsi, e continuare a giocare, o smettere e forse seguire la mia strada…potrei pure ritrovarlo da avversario su un’altra panchina (ride ndr). Comunque avevamo giocato insieme a Jesi e lui è un tipo molto professionale, pure più di me. Sia in allenamento che in partita dà sempre il massimo dall’inizio alla fine. Che dire? È stato veramente un piacere allenarlo”.

Ultima cosa. Si ripartirà dal blocco della passata stagione?

“La linea è quella di confermare il gruppo storico senza fare troppi stravolgimenti. Penso che la forza di questa squadra sia in questo gruppo da cui dovremo ripartire. Poi vedremo, al resto ci pensa la società e valuterà eventuali innesti…se il presidente vorrà farci qualche regalo lo accetterò senza problemi (ride ndr)”.

Matteo Valeri

unnamed

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...